Pegasus Descending

Pulp, thriller, hard boiled, noir

La Cosa sulla Queen Anne’s Resurrection – Samuel Marolla

La Cosa sulla Queen Anne’s Resurrection

È l’ignoto a fotterci. È il non sapere, il non riuscire a vedere, a conoscere, a toccare con mano che ci spaventa tanto, ci crea ansia. Ed è proprio su questi elementi che l’horror e il thriller, spesso, fondano le loro storie, creano delle impalcature in grado di generare paure nuove o tirarne fuori altre, credute ormai sopite, dai cassettini più reconditi della mente.

Samuel Marolla, con il suo racconto La Cosa sulla Queen Anne’s Resurrection, non fa eccezione, rispolverando un vecchio topos dell’orrore, la nebbia, per costruire una storia a carattere storico ma di terrore contemporaneo. Così come il diverso, in ogni sua declinazione, ci incute timore e diffidenza, analogamente accade con ciò che la nebbia, cioè l’ignoto, può celare. Non è un caso che uno come Stephen King, uno che in queste cose, possiamo dirlo, ci sa fare, ne faccia spesso ricorso nei suoi racconti. Anche in La cosa di Marolla c’è un essere misterioso che squarcia vite e anime dell’equipaggio della nave, mentre i marinai, prima ancora che abbiano capito cosa stia succedendo, già cadono come mosche. Anche perché, in questi casi, per salvare la pelle, non è necessario capire, ma agire. E Marolla, conoscitore dei trucchi del buon racconto breve e dotato di uno stile adamantino, non ci pensa su due volte: fin dalla seconda riga è l’azione a prendere in mano la narrazione, mentre i personaggi danzano e recitano su una musica macabra nel tentativo di abbattere i muri dell’ignoranza che uccide. Perché alla fine le cose non sono mai come paiono e anche i racconti horror sono specchio di una realtà e del un substrato culturale in cui sono nati. 

Ed è in libreria per le edizioni XII la nuova raccolta di racconti di Samuel Marolla, La mezzanotte del secolo, dopo la pubblicazione per Mondadori di Malarazza e la collaborazione con la Sergio Bonelli editore.

La mezzanotte del secolo

SINOSSI: Milano è una città antica, più dell’impero romano e dei celti che l’hanno fondata, ma è anche moderna, multietnica. Possono giungervi da lontano storie calde come un pugno di sabbia, possono farvi ritorno individui costretti a guantarsi le mani – con il cuoio, in punta di dita, spinto da unghie nere e affilate. Uomini armati di oscuri desideri, e di pistole. Nella Milano odierna, metallica e luminosa, possono risvegliarsi creature sopite da secoli nei loro nidi di tenebra al neon. Riapriranno gli occhi e si solleveranno, su piedi, su zampe o su ali, allo scoccare della Mezzanotte del Secolo.

Ti è piaciuto questo post e hai un profilo Facebook? CLICCA QUI e poi su MI PIACE per diventare fan di Pegasus Descending e non perderti nessun aggiornamento!

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: