Pegasus Descending

Pulp, thriller, hard boiled, noir

Gli avventurieri delle Indie – Mark Keating

Gli avventurieri delle Indie

GLI AVVENTURIERI DELLE INDIE (The Pirate Devlin)
di Mark Keating
ed. Longanesi
Traduzione di Donatella Cerutti Pini

Le storie di pirati, alla fine, sono un po’ delle crime fiction ambientate nel ‘600 e nel ‘700. A ben pensarci le analogie letterarie tra i protagonisti di arrembaggi, cannoneggiamenti e tesori nascosti e i moderni pendagli da forca sono molte e varie. Di solito i pirati sono dei reietti, spesso affascinanti e più intelligenti dei loro opponenti, anche se questo spesso altro non è che una sorta di distorsione dovuta al punto di vista, fatta eccezione per rari casi in cui lo scrittore più che esaltare le doti del suo protagonista preferisce sottolinearne le tare.

La produzione letteraria sui pirati, quindi, da Stevenson in giù, affolla da sempre le librerie e le biblioteche di tutto il mondo, dando pure vita a personaggi immortali e indimenticabili come il Corsaro Nero di Salgari, in una perenne commistione tra la fantasia e la realtà. Nelle storie di pirati la storia si sfuma nella leggenda e gente come Henry Morgan non può non imperversare nell’immaginazione di giovani – e meno giovani – con la sua memorabile, avventurosa vita.

Probabilmente anche l’inglese Mark Keating, autore de Gli avventurieri delle Indie, da ragazzino era uno di quelli che, corpo di mille balene, fantasticava su Port Royal, i Caraibi e i terribili bucanieri di Tortuga, portandolo, da grande, a scrivere una storia solida ed estremamente godibile che, come nella miglior tradizione, vede i pirati inseguire un tesoro nascosto con l’unico indizio di una mappa confusa.

Patrick Devlin, irlandese sulla ventina, mai si sarebbe aspettato di diventare uno dei pirati più rispettati e temuti dell’intero globo terracqueo. Tutto è iniziato un po’ per caso: dopo essere stato venduto dal padre a un macellaio, arruolatosi in marina come semplice manovale, si ritrova nel bel mezzo di un assalto pirata. Patrick combatte con temerarietà, ma la sconfitta è inevitabile. Come è consuetudine per i ladroni dei mari, chi vuole, tra i marinai superstiti delle navi catturate, può unirsi a loro, mentre gli altri riprenderanno la loro strada e dovranno giustificare la perdita del carico, spesso molto più importante che le vite degli uomini stessi. Patrick decide di unirsi ai pirati e, ancora una volta un po’ per caso e un po’ per meriti, si ritroverà a guidare da una parte all’altra dell’oceano Atlantico un centinaio di quei fuorilegge spietati. Il destino gli metterà tra le mani una mappa e un tesoro nascosto in una isoletta non segnata nei caldi e umidi Caraibi. Un tesoro che potrebbe indurre molti ad appendere la pistola al chiodo. O forse no.

Gli avventurieri delle Indie è un romanzo d’avventura che, nonostante l’intento ludico, non rinuncia all’accuratezza storica e in cui, grazie alla penna abile di Keating, si riesce a ricreare in maniera convincente e particolarmente immaginifica un’epoca. L’azione è la protagonista principale di questo lavoro d’esordio, ma Keating è abilissimo a rendere vivi la vita spesa su una nave, gli intrighi dei potenti sulle spalle dei poveri e di chi ritiene il dovere il proprio unico padrone, gli scontri morali fra chi iniziava una riflessione critica sulla tratta degli schiavi e sulla schiavitù in genere e chi, all’opposto, utilizzava Dio e il concetto di Dio a giorni alterni in base alla convenienza. Scrivere un romanzo storico è cosa ardua, perché alle necessità della trama si aggiungono quelle della storiografia, della correttezza ambientale e dell’uso della lingua.

Mark Keating

E se Gli avventurieri delle Indie corre via sull’acqua come fosse un tre alberi, gli unici punti deboli della narrazione di Keating sono rappresentati da un eccessivo eccezionalismo di cui ha rivestito il protagonista Devlin, sempre un passo davanti agli altri, e da un finale troppo prolisso, rinnegando, almeno in parte, quella frenesia dimostrata nelle precedenti pagine. Ma rendere un personaggio memorabile e straordinario, d’altra parte, diventa qualcosa difficile da evitare quando il racconto è tutto incentrato su di esso e, a maggior ragione, quando i propositi di serialità sono ben più che manifesti. Keating, comunque, nel romanzo presenta anche un paio di personaggi che se in questa vicenda rivestono un ruolo del tutto marginale, delle classiche comparsate, in futuro potranno farcene vedere delle belle, fornendo propellente adrenalinico a chi ama la combinazione romanzo storico/romanzo d’avventura, sciogliendo le briglie alla fantasia e, perché no, tornando pure un po’ bambini. Cosa che non guasta mai.

Ti è piaciuto questo post e hai un profilo Facebook? CLICCA QUI e poi su MI PIACE per diventare fan di Pegasus Descending e non perderti nessun aggiornamento!

Navigazione ad articolo singolo

7 pensieri su “Gli avventurieri delle Indie – Mark Keating

  1. Ma lo sai che anch’io avevo in canna un romanzo piratesco? Mi ero acquistato un marea di volumi per fare documentazione, poi mi sono demotivato via via che conoscevo meglio l’editoria italiana….

  2. Amico mio, queste sono cose che un scrittore italiano si può permettere solo quando non deve lavorare 9 ore al giorno e poi scrivere rubando tempo al sonno.😉

  3. Fabio Lotti in ha detto:

    Me l’hai levata di bocca, Pegasus. Custerlina, con il quale battibecco pure senza problemi e senza alcun tipo di astio o risentimento (ci si danno lì per lì e poi fine), deve scrivere quello che sente dentro di sé. Il mondo piratesco, poi, ha sempre colpito la fantasia dei giovani lettori e non mi dire, Al, se me lo permetti, che abbia meno attrattive di una guerra balcanica.

  4. Oh, ma io non ho mai detto una cosa del genere, Fabio. Sarei felicissimo di scrivere un romanzo di pirati, ma non vorrei fare come certi colleghi, che si sono bruciati per un libro sbagliato. Insomma, con quello che scrivo sono già parecchio fuori mercato (in Italia), scrivere di pirati vorrebbe dire proprio andarsele a cercare.
    E cmq il discorso è molto più ampio di queste due righe.😉

  5. Fabio Lotti in ha detto:

    Oggi per stare nel mercato devi soprattutto:
    1) Essere nato nel grande freddo.
    2) Scrivere gialletti rosa.
    3) Scrivere manuali (non sono più romanzi) di psichiatria.
    4) Tirar fuori diavoli, vampiri, morti viventi ecc…per ogni dove.
    Chi vuole percorrere strade diverse deve soffrire parecchio ed avere due palle belle quadre.

  6. Sante parole, caro Fabio, ma credo bastino le palle quadrate, la sofferenza è di altri luoghi.😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: