Pegasus Descending

Pulp, thriller, hard boiled, noir

Malapunta: un giorno sull’Isola – le risposte, quinta tranche

Malapunta – Un giorno sull’isola

Complimenti, avete trovato la quinta parte del viaggio.  Continua la visita guidata (da Danilo Arona) lungo le impervie coste di Malapunta l’Isola più misteriosa d’Italia!

35) Giacomo Cacciatore
Esiste un archivio segreto di Morgan Perdinka? Una cassa con mappe, appunti, fotografie?

Sì, esiste. Dentro una vecchia colonia fascista abbandonata. In un armadio. La colonia sta sulle montagne liguri. Di solito è chiusa con robusti catenacci, ma ne conosco il custode che si chiama Pinetto Berardi. Lì c’è tutto quel che serve.

36) Giacomo Cacciatore
Come vi mettete d’accordo con i diritti d’autore e gli anticipi? Morgan è venale?

Non mi metto d’accordo. Lo consideriamo morto per suicidio nel 2007 e non esistono detentori di diritti postumi. Per quel che so – e ne so parecchio – lui non era affatto venale, piuttosto uno sprecone che in vita non volle mai mettersi un euro da parte. A Malapunta si è comperato lui la villa a strapiombo fatta lì costruire da Lord Taylor. Ha speso uno sproposito. Ufficialmente perché doveva ambientarci una parte del romanzo “Malapunta”, in realtà perché era un tremendo snob che si sentiva al di sopra di noi poveri mortali. Mi sa che lo era… Anzi, lo è ancora. E’ qui, sta volando da qualche parte.

37) Giacomo Cacciatore
Un posto dove Morgan P. vorrebbe portarti con sé e dove non andresti mai. E soprattutto: perché.

Morgan sapeva come entrare dentro un vortice elettromagnetico, uno di quei giganteschi buchi rotanti che ogni tanto si fanno vedere qua e là negli ultimi anni. Ecco, non andrei ma là dentro né con lui né con altri. Devo spiegare il perché?

38) Antonino Alessandro
Parliamo di sospensione dell’incredulità. Da grande narratore quale sei, potresti darci un’analisi degli strumenti che Perdinka ha utilizzato per “convincere” il lettore dell’esistenza di un’isola vicino la Corsica che nessun atlante riporta?

Hai appena abbozzato, in struttura, la sinossi del libro. Sono quattro lunghi capitoli in cui l’autore tenta di utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per dimostrare l’indimostrabile. Se li “analizzo” qui, in qualche modo ne anticipo la sostanza, e si crea uno spoiler. Complimenti per la domanda. Insidiosa e “invasiva”.

39) Massimo Muntoni
Perdinka. Stanotte ho parlato con lui fino all’alba. Mi ha chiesto di raggiungerlo. Domani parto… Danilo, non sarai mica geloso del mio ruolo di nuovo confidente? Al mio ritorno potremo metterci d’accordo sul valore delle mie informazioni e magari, se lo riterremo opportuno, scrivere un libro a quattro mani. L’hai mai fatto? Condividere un’idea, un sogno, un’isola? Specialmente di qualcosa che credevi perso per sempre?

Andiamo per ordine. A) All’occhio perché dichiarare “domani parto” (per raggiungere Perdinka) può rivelarsi un boomerang letale B) Non sono geloso C) Mi piace scrivere a quattro mani, è meno faticoso e, se gli immaginari reciproci collimano, i risultati corrono il rischio di essere notevoli D) Ho già scritto libri a quattro mani (con Rosati, Panizza, Pascarella, Santoro…) E) La condivisione è uno degli scopi della (mia) vita, dall’idea all’isola F) Non lo so che cosa ho perduto per sempre: la giovinezza, una donna, un’occasione? Boh, se le ritrovi da qualche parte, ci sto. Io ci sto sempre.

40) Antonino Alessandro
Ma tu, a parte tutto, che idea ti sei fatta di Perdinka? Come persona intendo.

Come risponderti? Io Perdinka l’ho visto. Era stempiato, col codino, vagamente somigliante a Jack Nicholson, la sua stessa faccia non proprio rassicurante quando impersonava Jack Torrance in “Shining”. Non ho potuto farmi alcuna idea. Lui era così. Non bello, non brutto. Le donne dicevano di lui: “faccia da porco”, ma il suo limite con l’altra metà del cielo era che s’innamorava sempre. Ci si può innamorare della propria agente?

Malapunta

41) Antonino Alessandro
A volerlo paragonare a uno scrittore del passato a chi lo affiancheresti?

A Lovecraft. Una versione moderna, molto meno solitaria e sessualmente più attiva. Ma, come contatti con dimensioni parallele, siamo proprio dalle parti di Providence.

Ma il viaggio ha un passato e un futuro. Scopritene le altre tappe!

Ti è piaciuto questo post e hai un profilo Facebook? CLICCA QUI e poi su MI PIACE per diventare fan di Pegasus Descending e non perderti nessun aggiornamento!

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: