Pegasus Descending

Pulp, thriller, hard boiled, noir

Novità in libreria: Assassinio di lunedì di Dan Turéll

Assassinio di lunedì

Assassinio di lunedì di Dan Turèll ha due pregi: prima di tutto non ha le solite dimensioni mammuttesche da Malloppazzo Scandinavo, una sorta di categoria letteraria di cui, se vi interessa approfondire vitamorteemiracoli, rimando all’ottimo e dissacrante pezzo pubblicato da Fabio Lotti sul blog dei Corpi Freddi. In secondo luogo non può essere annoverato tra i tanti figli di Stieg Larsson e non sbarca in Italia sul carrettino delle mode editoriali che, di questi tempi, vogliono per forza veder annoverare in ogni catalogo che si rispetti qualche titolo thriller di uno svedese, un finnico o un norvegese. No. Iperborea inserisce questo libro all’interno di una ben precisa collana chiamata Ombre e di cui ho già ampiamente parlato alcuni mesi fa e a cui, anche in questo caso, rimando. Iperborea, inoltre, non può certamente annoverarsi tra le vittime della moda con il pellicciotto di renna intorno al collo, perseguendo, diversamente, una linea editoriale, intellettuale, culturale e passionale che da anni ormai la vede fare a spallate sul mercato italiano al fine di importare anche nel nostro Paese scrittori scandinavi di comprovata qualità. Insomma, forse vale la pena provarci e lo dico anche a te, onnivoro lettore di Pegasus Descending, che ancora stai storcendo il naso.

ASSASSINIO DI LUNEDI’ (Mord ved Runddelen)
di Dan Turèll
ed. Iperborea
Traduzione di Maria Valeria D’Avino

TRAMA: In una notte fredda e ventosa, un lunedì maledetto di gennaio, un giornalista senza nome porta a passeggio i suoi pensieri cupi per le strade di Copenaghen, quando un grido gli gela il sangue nelle vene. Accorre, ma troppo tardi: una donna è stata strangolata. Il commissario Ehlers si precipita, ma non si trovano indizi: la vittima è una ragazza come tante, senza storia e senza passato. Il giornalista dà una mano all’amico commissario nelle indagini, ma ogni pista sembra un vicolo cieco. Il lunedì successivo l’assassino colpisce ancora, e proprio sotto il loro naso. Non rimane che tentare di tendergli una trappola… Un racconto nerissimo e amaro ma pieno di humour e di umanità che riecheggia come un blues tra i cortili dei quartieri malfamati e le luci dei caffè del centro, tra squatter e piccoli trafficanti, prostitute, alcolizzati e poveri diavoli, in una vivace, disillusa e ironica presa diretta dalla realtà urbana.

«Io assassinavo ragazze. Mi piaceva veder morire sotto le mie mani quelle creature che solo un minuto prima traboccavano di vita in modo sfacciato, seducente, provocatorio.»

Puoi sostenere Pegasus Descending acquistando a prezzo scontato tutti i film o i libri citati nell’articolo cliccando sui titoli oppure su

Ti è piaciuto questo post e hai un profilo Facebook? CLICCA QUI e poi su MI PIACE per diventare fan di Pegasus Descending e non perderti nessun aggiornamento!

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “Novità in libreria: Assassinio di lunedì di Dan Turéll

  1. Valter in ha detto:

    Una lettura che consiglio, finalmente non un malloppone ! Iperborea una casa editrice molto attenta nelle sue scelte e anche questa volta ha fatto centro ; complimenti Andrea per la tua introduzione

    • Grazie Valter! E sottoscrivo: Iperborea non si faceva trascinare dalle moda prima, figuriamoci oggi che è esplosa la giallosvedesemania… e, da sottolineare, come gli scrittori di qualità scandinavi siano stati ignorati per dare spazio ad altri che, letterariamente, valgono meno. Che forse bisogna conoscerlo bene un mercato editoriale estero per fare le scelte giuste invece che farsi trascinare dagli agenti letterari che, giustamente, tirano acqua al loro mulino e al loro IBAN? 🙂

  2. Fabio Lotti in ha detto:

    Ti ringrazio per la citazione che mi permette di precisare un punto importante: il taglio del pezzo. In realtà l’articolo è dissacrante e nello stesso tempo, secondo il mio intento si capisce, pure autoironico rispetto a quello che scrivo. Proprio l’ultima parte “i resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti giallistici del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano disceso con orgogliosa sicurezza” non è altro che un estratto, eccetto l’aggettivo “giallistici”, del bollettino della vittoria di Armando Diaz. Una iperbole per sottolineare il fatto che, in definitiva, il problema dei Mallopponi scandinavi (tra cui spiccano pure opere dignitose) prendiamolo per quello che è…:)
    Sul libro che hai presentato ci faccio un pensierino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: