Pegasus Descending

Pulp, thriller, hard boiled, noir

“Piombo, tritolo e ormone”. Arriva IFL, il blog dell’action thriller italiano

Italian Foreign Legion

Ogni volta che un nuovo blog si aggiunge alla blogosfera, inevitabilmente la nostra comprensione del mondo della cultura e di tutto ciò che ci gira intorno si accresce. In un periodo di eterna crisi delle “terze pagine” dei giornali e della autorevolezza di critici e addetti ai lavori e in un momento in cui sembra sempre più difficile trovare qualcuno di cui fidarsi anche su temi e in un ambiente, qual è quello della cultura, in cui solo teoricamente si dovrebbero aborrire steccati ideologici e marchettisimi vari, la nascita di una nuova voce quel è Italian Foreign Legion è quanto mai opportuna. È infatti on line da pochi giorni un nuovo spazio di critica e discussione tematica promosso da Dario Geraci – già curatore del blog del Giallo Mondadori – esclusivamente dedicato a un preciso filone della narrativa italiana: l’action thriller. Può infatti sorprendere che un ambito letterario così marcatamente connotato come “americano” – anche e soprattutto a causa di Hollywood e dell’industria cinematografica made in USA – sia invece frequentatissimo da numerosi scrittori di assoluta qualità e totalmente nostrani, nonostante gli pseudonimi americaneggianti così frequenti da quelle parti. Ammetto la mia quasi totale ignoranza in merito alle opere action di giganti quali Stefano Di Marino o Alan D. Altieri ma, allo stesso tempo, vi confesso la mia ancor più assoluta curiosità nei confronti di quei territori culturali e narrativi da me mai esplorati e ancora in grado di sorprendermi e di accrescere di una frazione, o più, la mia conoscenza di questo benedetto mondo che ci circonda. Come sempre abbiamo a che fare con il fottuto tempo, quell’entità tiranneggiante che ci frega piano piano i nostri giorni spesi a lavorare, a incazzarci e a crederci infiniti. Impossibile leggere tutto e purtroppo ce ne andremo essendoci persi un sacco di bei libri, belle storie, interessanti curiosità e novità. È il nostro Destino, il nostro Fato. Però in culo alla Fortuna: per quanto riguarda questo specifico ambito il nuovo blog Italian Foreign Legion ci concede una possibilità in più di districarci nel mare magnum dei tomi cartacei e delle proposte editoriali. Per questo motivo IFL è finito dritto difilato nel blogroll di Pegasus Descending, per essere quotidianamente consultato da ogni uomo di buona volontà e curiosità. E visto che già c’ero, per sanare una scheggia della mia ignoranza sull’action thriller italiano, ho fatto una chiacchierata con Dario Geraci:   

Dario Geraci

Perché un blog come Italian Foreign Legion?
Innanzitutto Andrea, grazie per l’interessamento a IFL. E’ un grande piacere essere ospitati qui. Italian Foreign Legion nasce dall’incontro tra la passione del fan e la necessità dell’addetto ai lavori. Guardandomi intorno mi sono accorto dell’assenza totale di un “porto” per gli appassionati di Action Thriller, genere che di lettori ne ha molti. Anzi, permettimi di aggiungere, molti più di quelli che certi editori sono portati a credere.

E perché proprio IFL? Cosa significa e rappresenta?
I.F.L è l’acronimo di Italian Foreign Legion. Il termine è in parte mutuato dalla definizione coniata da uno dei pionieri in questo ambito, ovverosia Fabio Novel. Pensa a un ipotetico plotone di mercenari, la cui identità e celata sotto false generalità, pronti a tutto con qualsiasi mezzo. IFL vuole diventare “la casa” o “la caserma” che dir si voglia, non solo per l’appassionato ma anche per chi di questo genere ne fa un lavoro.

Cosa lo differenzierà dal blog di Segretissimo?
Con il responsabile di Segretissimo blog, l’amico Alessio Lazzati,  abbiamo fin da subito optato per una collaborazione fattiva e continuativa. Il lavoro editoriale, se vuole essere produttivo ha bisogno di cooperazione. Noi vogliamo essere produttivi. Per quanto riguarda un ipotetico “conflitto d’interessi”, la questione non si pone per il semplice fatto che a differenza di Segretissimo, IFL si occuperà (ed è questa la sua particolarità e unicità) di Action thriller esclusivamente italiano.

Quale obiettivo ti sei prefissato con questo blog?
Come ti dicevo prima, vedo IFL in prospettiva come un grande network sull’action thriller. So di essere ambizioso ma sono certo che con l’appoggio dei lettori e la collaborazione degli amici autori, riusciremo a diventare una vera e propria etichetta. Insomma, puntiamo a diventare i cugini “brutti, sporchi e cattivi” dei vari siti specializzati in thriller.

Perché molti autori italiani usano uno pseudonimo straniero e anglosassone? Una sorta di sudditanza nei confronti degli americani?
La questione pseudonimo è un’eredità che scontiamo ancora dagli anni 80. Certe logiche di marketing imponevano a un autore italiano che voleva cimentarsi nell’action thriller di adottare un’identità straniera (99 volte su 100 americana) in modo tale da non creare preconcetti nel lettore. In un periodo storico in cui i vari Clancy, Ludlum etc la facevano da padrone poteva anche essere comprensibile, oggi francamente non lo è più vista la carenza di prodotti forti oltreoceano.

Quali sono i migliori autori in questo genere e corrente?
Guarda, stilare una classifica meritocratica sarebbe francamente impossibile solo per il fatto che il thriller è fatto di infinite sfumature, caselle, celle e sottocelle. L’Action thriller nella sua accezione più ampia, specialmente in Italia ha i suoi fuoriclasse. Basti pensare a nomi quali Alan D. Altieri, Stefano Di Marino, Gianfranco Nerozzi, Giancarlo Narciso o Andrea Carlo Cappi. Se allarghiamo il nostro spettro di qualche millesimo troviamo poi Stefano Pigozzi. Capisci che non è semplice districarsi in questo ambito, anzi, permettimi di osservare che IFL nasce proprio con l’intenzione di far emergere dalla selva editoriale, nomi magari meno noti al pubblico ma meritevoli di tutto lo spazio necessario, mi riferisco ad esempio a James C. Copertino, vero e proprio pezzo da 90 dell’action thriller italian style.

Che spazio ha e può avere in Italia questo genere?
Negli Stati Uniti certe storie passano dalla carta al grande schermo a velocità supersonica, in Asia siamo praticamente sugli stessi standard. Ad oggi, non è semplice ipotizzare quali spiragli saprà ritagliarsi nel tempo questo genere tra i nostri confini e tra quelli dell’Unione Europea. Innanzitutto bisogna necessariamente osservare che l’action thriller si porta ancora appresso l’etichetta di  genere “pulp” che se da una parte può far piacere e può strappare anche qualche sorriso pensando agi illustri predecessori, dall’altro lato porta con sè una serie di stupide e inutili limitazioni di ordine distributivo ed economico che altrove non esistono. Per quanto riguarda la visibilità e la promozione adesso ci siamo noi 😉

Come lo potresti definire, quali sono le sue caratteristiche essenziali?
Piombo, tritolo e ormone. Scherzi a parte, penso che la letteratura d’azione sia inquadrabile come quel genere di thriller in cui la risoluzione del caso è in mano ad un uomo di poche parole, dai metodi spicci e dal caricatore pieno.

Cosa consiglieresti a un giovane, o meno giovane, che volesse iniziare a scrivere questo tipo di storie?
C’è un testo molto bello appena pubblicato da Delos. L’ha scritto una delle leggende dell’azione italiana: Stefano Di Marino. Il manuale è “Scrivere da professionisti”, mi sembra un ottima base di partenza. Per quanto riguarda i miei di consigli direi: leggere molto, guardare quanti più film possibile e avere molta, molta umiltà nell’apprendere. La mente va allenata e certi meccanismi  vanno studiati prima, vanno assimilati. Attenzione a non cadere nell’equivoco e pensare che l’action thriller sia un genere semplice, facile. Tutt’altro. 

Italian Foreign Legion

Sono piuttosto a digiuno di IFL, ma vorrei rimediare: da chi e cosa inizio?
Sicuramente “L’uomo esterno” di Altieri e “Ora zero” di Di Marino sono due eccellenti punti di partenza. Poi potresti addentrarti nella serialità di François Torrent (Andrea Carlo Cappi), di Jo Lancaster Reno (Gianfranco Nerozzi) o di Jack Morisco (Giancarlo Narciso). In generale direi che Segretissimo è un ottima fucina di professionisti del genere. Se poi il tutto si rivela di tuo gradimento potresti leggere l’ottimo “Angeli neri” di Copertino, recentemente riapparso in edicola.

 Ogni nuova voce che si aggiunge alla blogosfera credo sia un arricchimento per il mondo della cultura. Quale ruolo e spazio ritieni abbiano o possano avere queste nostre esperienze da blogger?
Guarda, con IFL sono a quota 4 blog. Il Blog del Giallo Mondadori, di cui sono responsabile, è per me un occasione di arricchimento professionale non indifferente. Sette righe in nero è il blog nel quale recensisco saltuariamente libri e film, una sorta di block notes on-line. Italian Foreign Legion è sicuramente il progetto più ambizioso, vediamo come andrà in futuro. Sostanzialmente penso che il mondo dei blog sia un universo molto interessante, sincero, fuori dalle logiche di mercato, un’opportunità che andrebbe valorizzata maggiormente.

Ci dai qualche anticipazione sulle prossime iniziative e post di IFL?
Ho in programma diverse interviste, faccio qualche nome: Stefano Di Marino, Fabio Novel, James C. Copertino, Andrea Cotti, poi sondaggi e segnalazioni di romanzi ancora poco noti. Sicuramente chi ci seguirà non rimarrà deluso.

Ti è piaciuto questo post e hai un profilo Facebook? CLICCA QUI e poi su MI PIACE per diventare fan di Pegasus Descending e non perderti nessun aggiornamento!

Navigazione ad articolo singolo

5 pensieri su ““Piombo, tritolo e ormone”. Arriva IFL, il blog dell’action thriller italiano

  1. Dario pm Geraci in ha detto:

    Grazie Andrea per lo spazio!

  2. stefano di marino in ha detto:

    bella intervista e mi fa piacere che serva per far conoscere il nostro lavoro anche a chi, come Andrea, a causa del tempo non può sempre leggere e conoscere tutto. Che l’action thriller sia un genere che ha parlato soprattutto inglese è vero in parte. da decenni in Francia ma anche in Italia si scrive dell’ottimo action…chissà se, come è avvenuto per il cinema, non si arrivi a riconoscere il lavoro di molti ‘artigiani’ che con passione stanno lavorando da parecchio per creare una via italiana che, al di là degli pseudonimi a volte imposti dalla distribuzione, ha caratteristiche peculiari nostrane. Buona scoperta di questa frontiera allora.
    stefano

    • Ciao Stefano, è un grande piacere e onore averti qui su Pegasus Descending! Credo che il blog IFL possa essere un passo avanti verso la realizzazione di quanto dici nel tuo commento, poichè penso sia indubbio che il valorizzare in modo compiuto un genere o un determinato lavoro sia il primo passo affinchè sempre più gente vi si avvicini e impari a conoscerlo. Per questo ritengo la nuova esperienza del blog di Dario così importante e degna di approfondimento e capace di destare in me, fin dalla prima volta in cui l’ho scoperta, un’immediata curiosità. Purtroppo – o per fortuna – per poter parlare con un briciolo di competenza di un argomento, qualunque esso sia, è necessario leggere tonnellate di roba e il tempo, come dicevamo, non è infinito e alcune scelte è necessario farle. Personalmente con Pegasus Descending mi sono concentrato sul thriller e, in particolare, sul noir, il genere che preferisco e con maggiori potenzialità narrative ed esplicative dell’umano, a mio avviso. L’action, per me, è una frontiera tutta da scoprire e una lacuna che spero di riuscire a colmare!

      Ancora grazie per il commento e l’attenzione e a presto!
      ps: sei diventato fan di Pegasus Descending su Facebook? 🙂

  3. Pingback: Italian Foreign Legion: online l’action thriller italiano | Thriller Cafe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: