Pegasus Descending

Pulp, thriller, hard boiled, noir

Codice Genesi – The Book of Eli

Codice Genesi - The Book of Eli

CODICE GENESI – THE BOOK OF ELI
di Fratelli Hughes
con Denzel Washington e Gary Oldman

Sono passati circa trent’anni dall’ultima guerra. Quella definitiva. Quella con cui l’uomo, che non sembra essere in grado di fare altro che ammazzarsi a vicenda e fare del male al prossimo, ha definitivamente mandato a puttane il pianeta che ci ospita. Non c’è più niente in giro. Solo rovine e polvere. Come già anche in La strada, romanzo di Cormac McCarthy, e rendendo corrette le previsioni di Thomas Hobbes secondo cui l’uomo ridotto al proprio stato di natura non può fare altro che predarsi l’uno con l’altro – il celeberrimo homo homini lupus -, anche in questo mondo decisamente post-atomico è bene guardarsi le spalle dal proprio vicino di casa.

Eli è un viaggiatore solitario diretto a Ovest, non si sa bene dove, ma una voce interiore gli ha detto: a Ovest risiede la tua meta. E allora uno prende e va. Mica vorrete stare lì a fare discussioni con la voce interiore. Alla fine Eli sarebbe anche un tipo pacifico, uno che non rompetegli le palle e lui manco vi caga di striscio. Ma, soprattutto, non cercate di fottergli il libro che si porta dietro. Allora, in quel caso, si incazza di brutto e ha una amena consuetudine, quando si incazza: inforca uno spadone alla Re Artù e inizia a far volare via braccia e gambe a chi lo importuna, mozza teste e nasi, trafigge busti e ventri. Eli è un guerriero implacabile, una autentica macchina da guerra. Come Tex ha una mira infallibile e con la sua 9mm non lascia scampo. Tutto per un libro.

In un mondo siffatto figuriamoci se quelle cose polverose, pesanti e ingombranti che sono i libri possono ancora interessare a qualcuno. C’è ben altro a cui pensare invece di stare lì a fare i filosofi della Magna Grecia. Oltre a Eli e al suo misterioso libro solo un’altra persona sembra interessata a quei contenitori di tante paroline scritte fitte fitte e messe tutte in fila. Carnegie è un piccolo despota per la propria cittadina che, seppur con fatica, gli gira intorno. Non a caso la prima immagine che abbiamo di questo ducetto è di lui svaccato con i piedi sulla scrivania a leggere una corposa biografia del nostro Benny Mussolini, meglio noto come Er Puzzone. In un mondo che tira a campare strisciando tra la polvere, Carnegie possiede il dono della lettura, della capacità di saper leggere e quindi di modificare, nei limiti del possibile, la realtà che lo circonda per piegarla ai suoi voleri. Voleri, manco a dirlo, di potere, sopruso e violenza. Carnegie, infine, cerca proprio quel libro, tra tutti quelli che ci sono, quello in possesso a Eli, un grosso tomo rilegato con una grossa croce sopra che qualcosa dovrebbe dirvi. Quando i due si incroceranno non potranno che volare scintille e mazzate. Un mucchio di mazzate.

Codice Genesi – The Book of Eli dei fratelli Hughes è una sorta di collage tra un normale e scontato action movie e le riflessioni consegnate alla storia della letteratura da grandi scrittori come il già citato McCarthy con La strada o il Fahrenheit 451 di Ray Bradbury. In un mondo perduto il controllo è esercitato da chi possiede gli strumenti culturali e conoscitivi per soggiogare il prossimo. Possedere il potere conferito dai libri è altrettanto importante quanto il conoscere la fonte d’acqua più vicina. Fin qui poco male, tutto condivisibile, è da quando sono in possesso di un briciolo di ragione che affermo l’importanza dello studio e della conoscenza del mondo che ci circonda in tutte le sue molteplici sfumature. Sapere è potere, motteggiava uno slogan d’antan.

Quello che incuriosisce maggiormente è invece il titolo scelto dai registi e intorno al quale sviluppare l’intera vicenda, facendo assurgere tale titolo a motore di salvezza per l’umanità intera. Indovinate? Giusto: la Bibbia. Già dal nome del film si capisce, non rivelo un segreto. In un mondo in cui non c’è più un cazzo di niente se non problemi, povertà e violenza, davvero le Sacre Scritture potranno salvarci? Eli si smazza un viaggio di migliaia di kilometri per portare in salvo questo libro, mentre il suo avversario Carnegie, evidentemente attento lettore di Marx, ritiene che solo veicolando e padroneggiando il messaggio insito in queste scritture si possa detenere il vero, autentico potere. Beh, la riflessione sulla religione e sul suo potenziale di controllo sociale sarebbe molto ampia e complessa. Un neurologo indiano è perfino arrivato a ipotizzare l’esistenza di una particolare porzione del cervello umano predisposta al fenomeno religioso o, comunque, metafisico. È un dato di fatto che le religioni esistono da quando esiste l’uomo, non solo per quanto riguarda la specie a cui tutti apparteniamo, ma anche quella estinta dei Neanderthal. Salvezza o condanna? Domanda difficile. Sta di fatto che Eli e Carnegie si ammazzano pur di avere quel libro. <<Mi sono così concentrato nel proteggerlo che ho perso di vista il suo insegnamento>>, dice verso la fine del film Eli. E ancora una volta la fantascienza, versione moderna del romanzo utopico, ci corre in aiuto nel gettare un po’ di luce che aiuti la comprensione del mondo, estremamente contemporaneo, che siamo costretti a vivere.

Di seguito il trailer di Codice Genesi – The Book of Eli dei Fratelli Hughes:

Ti è piaciuto questo post e hai un profilo Facebook? CLICCA QUI per diventare fan di Pegasus Descending e non perderti nessun aggiornamento!

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Codice Genesi – The Book of Eli

  1. Pingback: Guida ai migliori film del 2010. Secondo noi. « Pegasus Descending

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: