Pegasus Descending

Pulp, thriller, hard boiled, noir

Le Ombre di Iperborea, collana dedicata al giallo scandinavo

Satelliti della morte

In origine era la coppia Sjöwall-Wahlöo e correvano ancora gli anni Sessanta. Poi gli anni zero hanno segnato l’autentico cambio di passo da parte della letteratura thriller e gialla di marca scandinava grazie alla deflagrazione del fenomeno Stieg Larsson, l’autore svedese capace di rendere noto a milioni di appassionati che oltre agli USA e alla Francia c’è di più.

Ora la nuova collana interamente dedicata al giallo targata Iperborea, emblematicamente intitolata Ombre, si annuncia come l’ennesimo e forse decisivo scatto, in particolar modo dal punto di vista qualitativo, in grado di creare i giusti presupposti affinché luce sia fatta su questa nicchia delle letteratura di genere per decenni passata inosservata nel nostro Paese. Già, perché “quasi il 60% dei libri che vengono pubblicati nei paesi scandinavi negli ultimi anni sono gialli” si legge nel comunicato della casa editrice che cita dati forniti da Norla, l’Istituto di Cultura Norvegese. Persino autori di Iperborea tradizionalmente lontani da questo mondo letterario hanno iniziato a scrivere noir e romanzi polizieschi: Björn Larsson (autore di La vera vita del pirata Long John Silver) sta ultimando in questi mesi il suo primo giallo”.

Gialli, comunque, sempre e solo in accordo con la tradizione Iperborea, di qualità, raffinati e divertenti fin dal primo titolo della nuova collana uscito sul finire del 2009, Satelliti della morte di Gunnar Staalesen, un romanzo che utilizza e rivisita gli stilemi dei grandi classici della letteratura noir per parlare della contemporaneità”, dai grandi temi della violenza nella periferia all’infanzia rubata, fino ai numerosi intrecci tra politica e malavita. Argomento, quest’ultimo, evidentemente universale.

Insomma, anche una casa editrice colta qual è Iperborea si piega a quella che potrebbe sembrare una moda editoriale prona davanti ai desiderata del mercato? Ovviamente no, piuttosto l’evidenza di quanto la letteratura di genere da narrativa del disimpegno stia sempre più assumendo le sembianze di una nuova tendenza culturale: “L‘affermarsi di una maniera quanto mai attuale non solo per raccontare la realtà, ma anche per esprimere un senso di malessere più generalizzato. Forse” prosegue la nota “per “trovare il colpevole” di un momento storico complesso”, funestato da crisi finanziarie e problematiche legate all’integrazione, comprese le discussioni aperte intorno alla parità, al welfare o allo stato sociale.  

La collana Ombre, che dal prossimo autunno entrerà nel vivo della propria programmazione editoriale dopo il rallentamento subito in questa primavera, si appresta ad essere un approdo di grandissimo interesse per chiunque sia motivato ad approfondire la conoscenza di un genere e un ambiente sociale e narrativo così vicino ma, allo stesso tempo, così lontano.

Il logo Iperborea

Di seguito riporto le trame delle prossime uscite della collana Ombre di Iperborea e le rispettive date, anche se solo indicative, di pubblicazione. Vi rimando ai prossimi mesi per maggiori informazioni sulle singole opere e i loro autori, garantendovi anche una maggiore precisione per quanto riguarda le date in cui i libri si potranno trovare in libreria.

 

 

Olav Hergel – IL FUGGITIVO

Settembre 2010, traduzione di Eva Kampmman

Iraq. Una giornalista danese, Rikke, viene rapita da un gruppo di terroristi e mutilata in diretta televisiva. Il prezzo del riscatto? Il ritiro delle truppe danesi. L’intero mondo assiste alla vicenda col fiato sospeso. Quando ogni speranza sembra crollare, Rikke riesce però a fuggire dai suoi carcerieri grazie alla complicità di uno di loro. Accolta in patria come una vera eroina nazionale, Rikke racconta la sua versione dei fatti. Quella rivelata ai giornali è proprio la verità? E se Rikke avesse mentito? Se fosse  lei stessa una complice del giovane iracheno dagli occhi blu?

Dan Turéll – ASSASSINIO DI LUNEDÌ

Settembre 2010, traduzione di Maria Valeria D’avino

Il gelo del rigido inverno nordico, la pioggia incessante, un giornalista che trascina la sua malinconia per le vie della capitale ma, soprattutto, una serie misteriosa di assassinii ai danni di tre giovani donne, tutte quante strangolate di lunedì: sono questi gli ingredienti essenziali del noir di Turéll. Nell’atmosfera incandescente delle sommosse nella periferia di Copenhagen, il giornalista (scopritore suo malgrado di tutti e tre i cadaveri) e l’ispettore Ehlers conducono la loro inchiesta alla ricerca dell’inafferrabile autore degli omicidi. Perché nell’incubo urbano di Turéll, la furia omicida nasce dalla monotonia quotidiana.

Flemming Jensen – IL BLUES DEL RAPINATORE

Ottobre 2010, traduzione di Ingrid Basso

Che ci fa il cadavere del primo ministro danese appeso a una mongolfiera in volo nel cielo di Copenhagen? Un anonimo rapinatore di banche raccoglie le confessioni del suo compagno di cella: dalla  amicizia col ministro stesso, nata sui banchi di scuola, alle squallide vicende politiche che hanno coinvolto entrambi. Un incalzante racconto fatto di segreti di stato, assurde macchinazioni e inaspettate coincidenze: dalla compromettente gita delle first ladies al parco di Tivoli (giro sulle montagne russe incluso) alle dimostrazioni in Groenlandia contro gli Stati Uniti fino al calcio di punizione fischiato ingiustamente dall’arbitro nella partita Danimarca-Svezia. Il tutto condito con ironia sottile.

Gunnar Staalesen – TUO FINO ALLA MORTE

Novembre 2010, traduzione di Danielle Braun.

Varg Veum si scontra per la prima volta con l’assurda ferocia della gang nella loro “camera delle torture”, una capanna abbandonata nel mezzo di un bosco. La bicicletta di Roar, otto anni, era stata rubata ma nessun adulto del quartiere aveva osato cercare di recuperarla. Ma quest’indizio preliminare di violenza e disagio giovanile non era nulla in confronto a ciò che sarebbe successo a Veum un volta conosciuta Wenche Andresen, l’affascinante madre di Roar. Il suo ex marito Jonas è stato ucciso brutalmente a coltellate e tutti i sospetti ricadono su di lei. Dove si nasconde il collegamento con i crimini della gang? Siamo sicuri che dietro al timido sguardo di Wenche non si nasconda in realtà un killer spietato?

Thomas Enger MORTE APPARENTE

2011

Due anni dopo un grave incidente nel quale ha perso la vita il figlio, il giornalista Henning Juul torna al lavoro per risolvere il caso della giovane sceneggiatrice Henriette Hagerup. La ragazza poco più che ventenne era stata ritrovata morta, senza una mano e con segni di lapidazione e fustigazione sul corpo, vittima di un delitto d’onore secondo i precetti della Sharia. Aiutato da un misterioso informatore e a rischio della propria vita, Henning ripercorre la lista dei sospetti e degli insospettabili per un finale tutt’altro che scontato. Con uno stile chiaro e diretto, il percorso complesso della trama diventa oltremodo avvincente, mentre il cammino minuzioso dell’indagine attraverso le strade di Oslo apre una finestra sulla società a livello esistenziale, culturale e politico.

Tamas Gellert L’UOMO LASER

2011

La Stoccolma del 1991 è lacerata dagli attentati a cittadini di origine straniera per mano di un uomo armato di fucile con mirino laser. Il modus operandi è sempre il medesimo, ma il criminale riesce ogni volta a far perdere le proprie tracce, impegnando la polizia nella più imponente caccia all’uomo mai vista in Svezia dopo l’omicidio del premier Olof Palme nel 1986. In un dettagliato reportage, Tamas Gellert non si limita a seguire le imprese di questo spietato serial killer, ma analizza a fondo il momento storico e l’ambiente in cui egli si muove: è la Svezia della crisi economica, in cui il nemico numero uno è lo straniero, profugo o immigrato che sia; una Svezia molto diversa dalla mitica nazione del welfare, dove la tradizionale tolleranza sembra perduta.

Matti Ronka L’UOMO CON LA FACCIA DA ASSASSINO

2011

Viktor Kärppä è un ex cittadino sovietico naturalizzato finlandese che si occupa di commerci e permessi al confine della legge e di due mondi. Non ruba, non è immischiato in storie di droga, diventa violento solo quando serve e, a dispetto della sua faccia da assassino, non uccide. Lavora per un russo, un certo Ryškov, ma viene assoldato da Aarne Larsson perché ritrovi la moglie estone di trent’anni più giovane della quale non ha più notizie. Si chiama Sirje, è molto attraente ed è la sorella di Jaak Lillepuu, uno dei criminali più spietati del Baltico. Una ricerca che spezzerà la routine della sua vita e lo trascinerà negli abissi della criminalità organizzata, mettendo a rischio anche la sua vita sentimentale.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Le Ombre di Iperborea, collana dedicata al giallo scandinavo

  1. Valter in ha detto:

    Incuriosito dal primo giallo Iperborea , l’ ho acquistato appena uscito ed è stato una piacevole sorpresa ; a questo punto, attendo le altre pubblicazioni con altrettanta curiosità!
    Buon 1 Maggio! 🙂

    • giorgio in ha detto:

      ho tenuto, proprio ieri sera, una conversazione pubblica in un’associazione culturale sul romanzo poliziesco scandinavo, tracciandone storia, motivazioni e dando qualche suggerimento di lettura; sapevo che iperborea stava per uscire con dei gialli, ma non sapevo fosse già uscito, peccato era un’indicazione in più da dare

      • Dai sarà per la prossima volta! Credo che questa collana sia molto interessante, anche per la conoscenza che hanno i curatori di questa casa editrice del mondo letterario scandinavo.

    • Purtroppo – o per fortuna – 1 maggio di lavoro… 😦 Credo che sia una collana da tenere d’occhio, io su Pegasus Descending lo farò senza alcun dubbio, sia con le segnalazioni sia con le recensioni, è un mondo che mi incurioscise soprattutto perchè tireranno fuori autori sconosciuti o quasi da noi, qualche bella sorpresa ci attende di sicuro! Peccato per lo slittamento delle nuove uscite, finite al prossimo autunno, ma avremo pazienza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: