Pegasus Descending

Pulp, thriller, hard boiled, noir

La promessa dell’assassino

La promessa dell'assassino

Oggi, su Pegasus Descending, ospitiamo la recensione firmata da Eros Murtas del film di David Cronenberg La promessa dell’assassino, buon thriller/noir del 2007 ambientato in una Londra particolarmente sporca e cattiva. Da rivedere o, per chi non lo avesse ancora fatto, da scoprire.

LA PROMESSA DELL’ASSASSINO
di David Cronenberg
con Viggo Mortensen, Naomi Watts, Vincent Cassel

“Mi chiamo Tatiana. Mio padre è morto nelle miniere del suo villaggio, perciò era già sepolto quando è morto. Eravamo tutti sepolti lì, già sepolti sotto il suolo della Russia. Per questo me ne sono andata. Per trovare una vita migliore”

E’ questa una delle più importanti chiavi di lettura de La Promessa dell’assassino, sedicesima pellicola del maestro dell’horror canadese, David Cronenberg.

Il film, un thriller freddo e cupo come la Londra in cui è ambientato, narra la vicenda di un’ostetrica, Anna (Naomi Watts), costretta ad indagare sull’identità di una giovane ragazza russa deceduta dopo il parto di una bambina. Cercando di ritrovare la famiglia di origine tramite la lettura del diario della ragazza, si imbatterà in  Nikolai (Viggo Mortensen), servo della mafia russa, e sarà successivamente travolta dal susseguirsi degli eventi in un vortice di degrado, prostituzione e criminalità.

Nonostante il film abbia una trama molto lineare, Cronenberg esamina con estrema lucidità il tema del destino degli uomini attraverso la teoria secondo cui “gli schiavi partoriscono schiavi”. Quello dipinto dal regista è il mondo dei “vinti”, coloro sui quali il destino si accanisce trascinandoli in un abisso fatto di crimini, omicidi e prostituzione.

Il collegamento tra il mondo definito “normale” e quello “parallelo” appena descritto è rappresentato da Nikolai, un “buono” costretto ad ogni sorta di efferatezza pur di sopravvivere. I suoi tatuaggi parlano per lui, non importano le sue intenzioni, per poter restare a galla in questo microcosmo bisogna solo rispettare le regole del gioco, il codice “vor v zakone”.

Impreziosito da piccole gemme – la scena della sauna e dell’iniziazione di Nikolai su tutte – La promessa dell’assassino è un film vivamente consigliato a chi non abbia ancora avuto l’occasione di vederlo o a chi, all’opposto, l’ha liquidato, un po’ troppo frettolosamente, come la brutta copia di un “Il Padrino” ambientato in Russia.

Di seguito il trailer de La promessa dell’assassino di David Cronenberg:

Ti è piaciuto questo post e hai un profilo Facebook? CLICCA QUI per diventare fan di Pegasus Descending e non perderti nessun aggiornamento!

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: