Pegasus Descending

Pulp, thriller, hard boiled, noir

Sack O’ Woe di John Harvey

John Harvey

SACK O’ WOE di John Harvey

Tom Whitemore fa un lavoro strano: sorveglia i pedofili e i condannati per reati a sfondo sessuale che sono in libertà vigilata. Un lavoro da far andare fuori di testa. Un lavoro che ti costringe quotidianamente a confrontarti con i crimini più odiosi e ripugnanti. Ovviamente tutto ciò non va bene alla zelante moglie scassapalle di Tom. Non solo uno fa già un lavoro di merda ma in più quella che ti dorme nel letto e con cui hai fatto due figli ogni giorno sottolinea quanto di merda sia il tuo lavoro. Come se non bastasse tutto ciò, una sciroccata con tre figli piccoli non trova di meglio che fidanzarsi con un pedofilo da poco rilasciato. Tanto è guarito. O no?

Il racconto firmato da John Harvey per il secondo appuntamento con “Blue Religion. Storie di poliziotti, criminali, indagini” e l’esplorazione dei miglior autori in lingua inglese di thriller e affini è molto più convincente di quello precedente di T. Jefferson Parker. La tensione, seppur nella brevità del formato, rimane a livelli altissimi fino alla fine gettando il lettore nel vortice del peggior crimine ipotizzabile – la pedofilia – nel vano tentativo di capire dove Harvey voglia andare a parare. È un racconto di perdizione e redenzione, di scelte e rinunce. È un racconto tragico perché non esiste un’unica “ragione”, un’unica insindacabile verità. Però tutti perdono qualcosa e starà ai protagonisti della storie scegliere quanto siano disposti a giocarsi.

John Harvey, già vincitore del Cartier Diamond Dagger della Crime Writers’ Association (CWA), è uno dei capisaldi della letteratura poliziesca mondiale e anche in queste poche pagine rende merito alla sua indiscussa fama e abilità. Chi volesse conoscere meglio la biografia e l’ampissima bibliografia di John Harvey può buttare un occhio sulla pagina a lui dedicata su Wikipedia. Se poi ha dimestichezza con la lingua inglese può anche farsi un giro sul sito personale dell’autore londinese. Sul sito del suo traduttore italiano, Luca Conti, potete trovare notizie utili sul lavoro di John Harvey e sulle sue pubblicazioni in Italia, con una menzione speciale per “Ladri a Nottingham”, apparso qualche mese fa nelle librerie e passato piuttosto inosservato nonostante i commenti entusiastici di chi l’ha letto. Per le ultime pubblicazioni nostrane, “Ladri a Nottingham” compreso, vi rimando al sito della Giano, casa editrice che ha iniziato un lodevole lavoro di riscoperta, ritraduzione e ripubblicazione. Sempre sul sito di Luca Conti vi raccomando caldamente, infine, la recensione de “In a true light”. Chissà che non lo si possa leggere e recensire pure noi che l’inglese solo lo mastichiamo senza, tra l’altro, digerirlo molto.

Puoi anche leggere:
IL COVO DEGLI SKINHEAD di T. Jefferson Parker

Ti è piaciuto questo post e hai un profilo Facebook? CLICCA QUI per diventare fan di Pegasus Descending e non perderti nessun aggiornamento!

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

9 pensieri su “Sack O’ Woe di John Harvey

  1. Pingback: “Calma piatta” di James O. Born « Pegasus Descending

  2. Pingback: Divine Droplets di Paula L. Woods « Pegasus Descending

  3. Pingback: Serial Killer di Jon L. Breen « Pegasus Descending

  4. Pingback: Un vago ricordo di John Buentello « Pegasus Descending

  5. Pingback: Una decisione inattesa di Jack Fredrickson « Pegasus Descending

  6. Pingback: Il giornalista di Leslie Glass « Pegasus Descending

  7. Pingback: Una ragazza così fortunata e carina! di Persia Walker « Pegasus Descending

  8. Pingback: La iella del venerdì sera di Edward D. Hoch « Pegasus Descending

  9. Pingback: La festà del papà – Michael Connelly « Pegasus Descending

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: